A Clear-Cut Premium Community Wordpress Theme

Bilancio sociale Inps: Italia sempre più anziana

dicembre 15th, 2011 in Le nostre iniziative by Nicoletta Bardossi

Firenze – Dal bilancio sociale dell’Inps emerge una fotografia dell’Italia sempre più anziana: circa un quinto della popolazione infatti ha più di 65 anni.

Nel 2010 la spesa per pensioni previdenziali è risultata pari a 165,8 miliardi di euro. Il 76,6% del totale è stato erogato per le pensioni di vecchiaia e anzianità, il 16,6% per pensioni a superstiti e il 6,8% alle pensioni di invalidità e inabilità. La spesa pensionistica complessiva è composta per l’86,7% da prestazioni previdenziali e per il 13,3% da prestazioni assistenziali.

Le pensioni previdenziali in pagamento risultano così suddivise: 9,4 milioni di pensioni di vecchiaia, anzianità e prepensionamenti, 3,8 milioni di pensioni ai superstiti e 1,5 milioni di pensioni di invalidità.

A usufruire in maggior misura delle pensioni di anzianità sono gli uomini, a cui va l’81% di tali prestazioni, mentre le pensioni di vecchiaia sono percepite in maggioranza da donne (66%). Più alti, per gli uomini, anche gli importi medi delle prestazioni: il valore medio di una pensione di anzianità maschile è di 1.552 euro mensili, mentre per le donne è circa di 1.130 euro. Allo stesso tempo, nelle pensioni di vecchiaia, le donne pur rappresentando la maggioranza, percepiscono in media 547 euro mensili contro i 749 euro dei maschi.

Al 1° gennaio 2011 risultano percepite dalle donne solo 723 mila pensioni di anzianità contro gli oltre 3milioni di analoghi trattamenti percepiti dai maschi. Per quanto riguarda le altre pensioni previdenziali le più numerose sono quelle relative ai superstiti pari a 3,8 milioni di pensioni con un valore medio di 534 euro mensili; in questo ambito la stragrande maggioranza dei trattamenti viene data alle donne (88%) con un valore medio superiore a quello degli uomini (555 euro contro 353 euro).

ANZIANI MALNUTRITI – Altri dati che devono far riflettere riguarda la condizioni degli anziani. Per tanti mettere in tavola pranzo e cena nutrienti è diventata una sfida. Tanto che un milione di anziani è malnutrito, assume 400 calorie al di sotto del fabbisogno giornaliero e si priva soprattutto di proteine, con  conseguenze pesanti sulla salute e sulle prospettive di vita.  Sono i dati presentati durante il Congresso nazionale della Società Italiana della Gerontologia e Geriatria.

Anche un solo mese di dieta povera aumenta, infatti, del 25% la probabilità di un ricovero ospedaliero e accresce la mortalità.

Le 400 calorie al giorno in meno sono in gran parte derivanti da proteine nobili contenute nella carne, nel pesce, prodotti che non entrano nel carrello della spesa, degli over 65, perché non ci sono soldi per pagarli.

Due anziani su tre dichiarano, infatti, di non riuscire ad arrivare alla fine del mese e per far quadrare i conti tirano la cinghia lasciando sugli scaffali gli alimenti più costosi.

Author: Nicoletta Bardossi

Giornalista multimediale. Co -fondatrice dello Studio Associato ObiettivoTre

Enjoy this Post? Share it on your favorite social bookmarking site...

Submit to Mixx Submit to StumbleUpon Submit to Delicious Submit to Digg

Leave a Reply

Related Posts

Check out some more great tutorials and articles that you might like.

  • borse prada
  • borse burberry
  • borse chanel
  • borse louis vuitton
  • borse gucci
  • borse dior
  • borse hermes
  • ugg roma
  • woolrich zalando
  • cuffie beats
  • fendi borse