A Clear-Cut Premium Community Wordpress Theme

Casa: Anziano sfrattato a Firenze

luglio 13th, 2015 in Le nostre iniziative by Nicoletta Bardossi

condominio Firenze

Firenze –  Un anziano sfrattato a Firenze. Il suo nome, Marcello, 74 anni, ex calciante dei Bianchi, è stato sfrattato dalla sua abitazione nel centro storico, proprio dietro piazza Pitti.

E’ il primo caso di sfratto per finita locazione a danni delle categorie più deboli denuncia il Sunia che fino al 30 giugno avevano goduto di una proroga dal governo.

Sebbene il Comune avesse trovato un alloggio popolare per i prossimi giorni, l’ufficiale giudiziario ha ugualmente eseguito lo sfratto. Dopo una febbrile trattativa tra proprietà e sindacato inquilini Sunia, durata per ben 5 estenuanti ore il signor Marcello ha dovuto lasciare l’alloggio, che era stato affittato alla sua famiglia, fin dal lontano 1918.

Nel 2005, la Asl ,allora proprietaria, svende all’asta la casa, acquistata da un professionista fiorentino, che avvia subito le procedure di sfratto.

Nemmeno l’intervento in extremis dell’assessore comunale fiorentino, Sara Funaro, che aveva già assicurato per telefono all’ufficiale giudiziario e alla proprietà una soluzione in tempi brevissimi, è servito a qualcosa. Alla fine, è stato chiamato anche il 118, per costringerlo ad uscire se non con le proprie gambe, con la barella.

“Questo aumenta la grave pressione su un settore, quello degli sfratti – scrive in un comunicato Laura Grandi segretario del Sunia di Firenze –  che alle costanti impennate del numero delle morosità vede aggiungersi anche questi provvedimenti. L’insufficienza della proroga è nei fatti: da febbraio del “passaggio da casa a casa” non si ha traccia!

“Queste famiglie – si legge ancora – in assenza di un nuovo e realmente efficace provvedimento, dovranno subire lo stillicidio dell’Ufficiale Giudiziario e della forza pubblica. Infatti le due misure che avrebbero dovuto garantire il passaggio da casa a casa per queste famiglie, come recitava il decreto, sono praticamente ancora ferme al palo.

“La prima, quella del recupero degli alloggi popolari sfitti per gravi carenze manutentive, ha visto materializzarsi la ripartizione alle Regioni dei fondi solo il 21 maggio. Risorse che dovranno poi seguire un ulteriore interminabile iter prima di essere utilizzabili, con il risultato, a voler essere ottimisti, di vedere i primi alloggi disponibili non prima della fine del 2016. La seconda, la riserva fino a 25milioni a valere sul fondo di sostegno all’affitto, non ha visto ad oggi alcun bando o avviso emesso dai Comuni per il loro utilizzo”.

“Il Governo – conclude Laura Grandi – con il quale si è avviato un tavolo di confronto con il Sunia e con il sindacato inquilini, ed il neoministro delle Infrastrutture hanno una sola strada: sospendere le esecuzioni fino al reale passaggio da casa a casa per queste famiglie che, lo ricordiamo, pagano regolarmente l’affitto e sono tutte a basso reddito e con anziani, minori, portatori di handicap o malati terminali nel proprio nucleo”.

Author: Nicoletta Bardossi

Giornalista multimediale. Co -fondatrice dello Studio Associato ObiettivoTre

Enjoy this Post? Share it on your favorite social bookmarking site...

Submit to Mixx Submit to StumbleUpon Submit to Delicious Submit to Digg

Leave a Reply

Related Posts

Check out some more great tutorials and articles that you might like.

  • borse prada
  • borse burberry
  • borse chanel
  • borse louis vuitton
  • borse gucci
  • borse dior
  • borse hermes
  • ugg roma
  • woolrich zalando
  • cuffie beats
  • fendi borse