A Clear-Cut Premium Community Wordpress Theme

Lettere raccomandate inviate ai pensionati su modello RED: si tratta di un errore materiale dell'INPS

ottobre 3rd, 2011 in Pensioni / Previdenza by Nicoletta Bardossi

Firenze –  Nei giorni scorsi l’Inps ha inviato inviato a migliaia di pensionati una lettera raccomandata con la quale li sollecitava a presentare il modello Red 2010, relativo ai redditi 2009. Una serie di verifiche effettuate hanno confermato che si è trattato di un errore materiale nella procedura di scarto dei Red a cui l’INPS porrà rimedio nei prossimi giorni con un messaggio che vi invieremo.

I pensionati che sono in possesso della ricevuta CAAF per il modello RED 2010 o, in alternativa, il modello 730 o unico relativo alla totalità dei loro redditi possono non dare seguito al sollecito dell’Inps.

Ecco la lettera integrale dell’INCA sulle lettere Inps ai pensionati di mostrare il modello Red:

Care compagne e cari compagni, nei giorni passati gli Uffici Inca, Caf e Spi sono stati invasi da centinaia di pensionati destinatari di una lettera con la quale l’Inps chiedeva loro di presentare la dichiarazione reddituale 2010 relativaai redditi 2009 con domanda di ricostituzione della pensione , inoltrata tramite i patronati.

I controlli effettuati in collaborazione con il Consorzio nazionale dei Caf Cgil hanno permesso di accertare che, per la stragrande maggioranza dei casi, i pensionati interessati avevano già regolarmente inoltrato, tramite i nostri Caf, la dichiarazione reddituale richiesta o, come previsto dalla norma, la dichiarazione dei redditi (730 o Unico).

A seguito delle lettere, dunque, la Consulta nazionale dei Caf ha chiesto un incontro urgente con la Direzione centrale dell’Inps. L’incontro tra patronati e la Direzione centrale dell’Inps, tenutosi ieri, ha chiarito che la lettera é stata inviata anche ai pensionati che avevano già inoltrato il Red o il 730/2009 a causa di un errore dovuto al malfunzionamento delle procedure telematiche.

Nell’incontro abbiamo convenuto con l’Inps che per il momento non daremo alcun seguito alle lettere, che nei prossimi giorni l’Istituto effettuerà controlli più puntuali sulle dichiarazioni reddituali ricevute e diffonderà un messaggio chiarificatore, operando per consentirci di visualizzare, se tecnicamente possibile, la situazione del pensionato così come oggi la visualizzano le sue sedi territoriali.

Abbiamo rappresentato all’Istituto l’insostenibilità di una situazione che scarica sul patronato oneri pesanti per scelte che l’Inps ha compiuto e compie, a livello nazionale e territoriale, senza nessun coinvolgimento delle nostre organizzazioni; abbiamo citato, tra l’altro, l’informatizzazione spinta che sta realizzandosi con la sostanziale esclusione del patronato, la riduzione degli spazi di agibilità sul territorio, il mancato rispetto di impegni assunti in più occasioni e ribaditi nei Protocolli sottoscritti.

Al termine della riunione, sono stati fissati due incontri che avevamo richiesto nei giorni passati su invalidità civile, i 10.000 lavoratori in mobilità derogati dai nuovi requisiti ed i lavori usuranti, dei quali vi daremo conto appena possibile.
Fraterni saluti.
p. il Collegio di Presidenza Luigina De Santis

Author: Nicoletta Bardossi

Giornalista multimediale. Co -fondatrice dello Studio Associato ObiettivoTre

Enjoy this Post? Share it on your favorite social bookmarking site...

Submit to Mixx Submit to StumbleUpon Submit to Delicious Submit to Digg

Leave a Reply

Related Posts

Check out some more great tutorials and articles that you might like.

  • borse prada
  • borse burberry
  • borse chanel
  • borse louis vuitton
  • borse gucci
  • borse dior
  • borse hermes
  • ugg roma
  • woolrich zalando
  • cuffie beats
  • fendi borse