A Clear-Cut Premium Community Wordpress Theme

Oltre quindicimila persone in corteo a Firenze per dire no alla manovra del governo

settembre 6th, 2011 in Le nostre iniziative by Nicoletta Bardossi

Firenze – Piazza Santa Maria Novella stracolma, uffici e fabbriche vuote. E’ la fotografia dello sciopero generale scattata stamani a Firenze e che ci restituisce una città dove i lavoratori, i pensionati, i giovani  hanno detto basta a questo governo, al suo pressapochismo e alle sue ingiustizie.

Quindicimila le persone in corteo che da piazza Cavallegg ha attraversato il centro cittadino per arrivare in piazza Santa Maria Novella.

Slogan e manifesti riservati al governo e al premier e qualche cartello diretto anche contro il sindaco di Firenze, Matteo Renzi assente alla manifestazione, come annunciato, e definito in uno striscione “il sindaco che la destra ci invidia”

In testa al corteo il presidente della Regione, Enrico Rossi e quello della Provincia di Firenze, Andrea Barducci. Con loro molti primi cittadini dei Comuni della provincia fiorentina.

Ed è stato proprio il presidente della Provincia, Andrea Barducci a spiegare perché molti rappresentanti delle istituzioni fiorentine erano in piazza stamani: “La manovra del Governo é sbagliata perche’ colpisce sempre i soliti. C’e’ un atteggiamento anche di cattiveria a voler far pagare sempre i lavoratori, i precari, chi é  in cerca di un’occupazione e i pensionati. E’ una manovra che si fa pagare due volte, perché mette in ginocchio gli enti locali e impedisce loro di mettere in campo i servizi per i cittadini”.

Presenti anche la presidente del Pd, Rosy Bindi, la presidente di Emergency, Cecilia Strada, Adriano Sofri.

Nel corteo spiccavano gli striscioni di quasi tutte le fabbriche storiche fiorentine: Esaote, Nuovo Pignone, Eutelia, Menaruni, Kme, Bassilichi. Con loro i lavoratori del Maggio Musicale, dell’aeroporto, e delle autostrade.

Alta l’adesione allo sciopero del 73% nei settori industria terziario e reti. A Firenze alla Nuovo Pignone di Firenze è stata dell’80%; 95% alla Sammontana di Empoli, 65% a Toscana Energia, 50% nel gruppo Prada, 46.80% alla Ferragamo; hanno scioperato anche il 40% della BTP.

A concludere è stato il segretario toscano della Cgil Alessio Gramolati con parole forti che hanno trovato il pieno riscontro della piazza: “Questo non è un Paese di m… – ha detto Gramolati ricondando l’espressione del premier – questo è un grande Paese, con grandi lavoratori che sono la sua parte migliore”. “Un grande Paese – ha detto – merita una manovra migliore, e merita un governo che sappia dare una risposta migliore: continuiamo con la nostra lotta”.

Guarda le foto della manifestazione fiorentina:


Author: Nicoletta Bardossi

Giornalista multimediale. Co -fondatrice dello Studio Associato ObiettivoTre

Enjoy this Post? Share it on your favorite social bookmarking site...

Submit to Mixx Submit to StumbleUpon Submit to Delicious Submit to Digg

Leave a Reply

Related Posts

Check out some more great tutorials and articles that you might like.

  • borse prada
  • borse burberry
  • borse chanel
  • borse louis vuitton
  • borse gucci
  • borse dior
  • borse hermes
  • ugg roma
  • woolrich zalando
  • cuffie beats
  • fendi borse