A Clear-Cut Premium Community Wordpress Theme

Guerra in Ucraina. Lega Campi Bisenzio: no alle guerre, si alla pace

Aprile 21st, 2022 in in-home by Nicoletta Bardossi

Con 18 voti a favore e 1 astenuto (su 19 presenti), la Lega di Campi Bisenzio ha approvato il seguente ordine del giorno sull’evolversi della guerra in Ucraina.

Ecco il testo integrale:

Il Comitato Direttivo dello SPI CGIL Lega di CAMPI BISENZIO, riunitosi il giorno 21 aprile 2022, esprime forte preoccupazione per l’evolversi della guerra in Ucraina;

Condanna senza se e senza ma la violenta aggressione delle forze armate russe alla popolazione di un Paese sovrano quale l’Ucraina;

Osserva con immenso dolore, sgomento e rabbia la strage di vittime civili innocenti,  la distruzione di intere città, la minaccia di una guerra mondiale e una probabile catastrofe atomica; 

Esprime solidarietà al popolo ucraino, ai russi che si oppongono alla guerra e alle vittime di tutte le guerre dimenticate che continuano oggi a insanguinare il mondo;

Per questo, lo SPI CGIL di Campi Bisenzio

CHIEDE

  • l’immediato cessate il fuoco e la realizzazione di corridoi umanitari in Ucraina;
  • che l’ONU insieme all’Unione Europea, alla Russia, all’Ucraina e agli Stati Uniti d’America si renda protagonista attiva per l’avvio di veri e concreti negoziati di pace e che la NATO cessi la propria azione politica, militare ed espansionistica in quell’area del mondo, garantendo, come non ha fatto nei decenni scorsi, un normale e democratico percorso di autodeterminazione e sovranità di tutti i paesi e di tutti i popoli coinvolti.
  • Che l’ONU si renda, altresì, protagonista attiva per la definizione di un nuovo ordine mondiale che è necessario per garantire un assetto democratico e pacifico del mondo;

Esprime la propria contrarietà per la decisione del Governo e del Parlamento italiano di inviare  armi in Ucraina, una scelta che si pone al di fuori della storia e della cultura repubblicana  del nostro paese, in aperto ed evidente contrasto con la nostra Costituzione laddove all’art. 11 “ripudia la guerra”;

Esprime altresì la più ferma e assoluta contrarietà all’aumento delle spese militari deciso dal Governo italiano così come richiesto dalla Nato ai Paesi dell’Unione Europea;

Crediamo, infatti, fermamente, e condividiamo pienamente la dichiarazione del Segretario nazionale della CGIL Maurizio Landini: “che oggi non sia il momento del riarmo ma del disarmo e di investire e di creare lavoro per fare un modello sociale di sviluppo che sia sostenibile. Le guerre non si fermano aumentando le armi ma facendo prevalere la cultura della diplomazia, della cooperazione e della giustizia”;

Il Comitato Direttivo dello SPI CGIL di Campi Bisenzio invita quindi tutti i propri iscritti, i cittadini, le istituzioni, le associazioni a mobilitarsi a difesa della pace, del dialogo, e del disarmo, contro ogni sopraffazione e contro tutte le guerre.

Author: Nicoletta Bardossi

Giornalista; videoreporter, contenuti multimediali; streaming e reportage

Enjoy this Post? Share it on your favorite social bookmarking site...

Submit to Mixx Submit to StumbleUpon Submit to Delicious Submit to Digg

Lascia un commento

Related Posts

Check out some more great tutorials and articles that you might like.

  • borse prada
  • borse burberry
  • borse chanel
  • borse louis vuitton
  • borse gucci
  • borse dior
  • borse hermes
  • ugg roma
  • woolrich zalando
  • cuffie beats
  • fendi borse